Glasser: depressione? No, depressare. E perché autocontrollo è l’ultimo apprendimento e non il primo.

Glasser afferma che le persone “non sono depresse”, “stanno depressando”. Rendere nuovamente verbo (azione) e non sostantivo ci può aiutare concretamente a capire che per essere in uno stato emozionale dobbiamo compiere azioni e scelte specifiche. È una spiegazione razionale lo so. Eppure se uno razionalizza risulta molto efficace. Il problema è come metterlo in pratica? Ricordiamoci intanto che nessuno nasce...

Read More

Quanto sai essere creativo e concentrato?

Questo articolo è la seconda parte di: Come diventare più produttivi e lavorare più velocemente con la Contemplazione. Pertanto ti consiglio di leggere prima quello di questo. Se l’hai già letto e se sei arrivato fino a qui forse hai fatto il test che permette di valutare la tua capacità (odierna) di risoluzione creativa di un problema. La maggior parte delle persone riesce a creare in 3 minuti in media 9 immagini. Io la prima volta ne ho...

Read More

Ricchezza è un termine di quantità non di qualità.

Nell’ottica di allenare le distinzioni, che stanno alla base delle nostre valutazioni, quindi scelte, pertanto azioni, ecco un altro esercizio pratico: guardate questa bella immagine che gira su facebook, e notiamo la generalizzazione negativa del termine “ricchezza”. Come ho scritto nel titolo: Ricchezza è un termine di quantità non di qualità. Nel nostro personabolario conviene usare il termine “ricco” appunto...

Read More

Cosa fare se pensiamo di essere circondati da “stronzi” ;-)

Prima di diagnosticati una depressione o una bassa autostima, assicurati semplicemente di non essere circondato da stronzi. (W. Gibson) La frase di Gibson mi ricorda tanto questa: l’80% degli italiani pensano che gli altri automobilisti non sappiano guidare”. I conti non tornano. Se ognuno di noi ha pensato una volta nella vita che è circondato da stronzi o gli stronzi si muovono e vanno intorno a tutti o semplicemente è più...

Read More

Il linguaggio del corpo che influisce sulla propria mente.

La mente influisce sul corpo come il corpo influisce sulla mente, è una comunicazione bidirezionale e il corpo, grazie anche a più cento mila neuroni può averne memoria. Usare il corpo per influenzare, condizionare, migliorare la propria mente è conosciuto da tempi immemori. Prima di proporvi la visione del video di Amy Cuddy che propone alcune considerazioni a riguardo faccio una breve cronistoria di quello che ricordo dalle mie letture...

Read More

Giudizio e comunicazione.

Comunica bene se vuoi essere bene giudicato e se vuoi bene giudicare. Con questo aforisma sintetizzo quanto credo relativamente al giudizio. Faccio notare sempre che il vecchio detto “non giudicare se non vuoi essere giudicato” è falso, perché la mente giudica sempre, non può non farlo, può non esprimerlo ma giudica comunque. Quindi trovo ipocrisia (dal greco YPO-KRISIS dove ipo=sotto crisia=spiegato) quindi sotto-spiegato dove...

Read More
Pagina 1 di 212