Quanto sai essere creativo e concentrato?

Questo articolo è la seconda parte di: Come diventare più produttivi e lavorare più velocemente con la Contemplazione. Pertanto ti consiglio di leggere prima quello di questo. Se l’hai già letto e se sei arrivato fino a qui forse hai fatto il test che permette di valutare la tua capacità (odierna) di risoluzione creativa di un problema. La maggior parte delle persone riesce a creare in 3 minuti in media 9 immagini. Io la prima volta ne ho...

Read More

Come diventare più produttivi e lavorare più velocemente con la Contemplazione.

Oggi mi soffermo sull’importanza della Contemplazione. La sensazione di “bello” e quindi lo stato contemplativo che ne deriva per certi eventi è uguale in tutto il mondo, cross-culture, ovvero indipendentemente dalla cultura della popolazione. Uno di questi è ad esempio la piacevole sensazione di un tramonto e dei giochi di colore creati dal sole o sulle nuvole o nell’acqua del mare. Quello che trovo interessante è che...

Read More

Judo emozionale

Ogni tanto consiglio lo Judo emozionale. E’ più di una metafora, è reale, è cercare di fare in modo che le emozioni negative non ci colpiscano e non ci prendano impreparati, privi di difese. Ovviamente quando consiglio lo Judo Emozionale, questo non vuol dire diventare subito cintura nera di Judo Emozionale. Si può venire comunque ribaltati le prime volte che si prova ad usare lo Judo emozionale, proprio come nello Judo reale. E’...

Read More

Ricchezza è un termine di quantità non di qualità.

Nell’ottica di allenare le distinzioni, che stanno alla base delle nostre valutazioni, quindi scelte, pertanto azioni, ecco un altro esercizio pratico: guardate questa bella immagine che gira su facebook, e notiamo la generalizzazione negativa del termine “ricchezza”. Come ho scritto nel titolo: Ricchezza è un termine di quantità non di qualità. Nel nostro personabolario conviene usare il termine “ricco” appunto...

Read More

I Business Angel non investono sulle idee ma nella realizzazione di esse.

 il presidente dei «New York Angels», una costellazione di 120 investitori, i più attivi della East Coast americana, in una intervista apparsa sul corriere afferma che da noi manca la cultura del fallimento. Che qui pochi ci provano, e che abbiamo troppa paura di sbagliare. Anche lui come altri (ed il sottoscritto) afferma che noi pensiamo che chi fallisce, qui è marchiato a vita. Mentre negli USA è molto più più probabile che riparta subito...

Read More
Pagina 2 di 512345