SAI COSA VUOI?

SAI COSA VUOI? Qualche anno fa iniziai a leggere libri e fare corsi su come gestire il proprio tempo. Mi ricordo ancora il tema del primo corso. »Come usare Outlook per gestire le cose da fare.« :) Più imparavo e più mi rendevo conto di non sapere. Ci sono tantissime teorie su come fare per organizzare il proprio tempo. Ognuno ha 24 ore al giorno a disposizione. Solo che alcuni ottimizzano il loro tempo facendo il triplo degli altri e tralaltro...

Read More

L’illusoria ovvietà del “nulla ha senso”.

Molti anni fa, verso la fine delle scuole superiori, insieme ad un mio amico (che poi si iscrisse a filosofia) facemmo un esercizio di pensiero, che portava illusoriamente a credere che “nulla avesse senso”. Con mio stupore notai che altri ragazzi e ragazze avevano fatto lo stesso esercizio di pensiero arrivando alla stessa illusoria conclusione, e la citavano con una certa fallace fierezza. Ancora oggi a quasi 30 anni di distanza...

Read More

Glasser: depressione? No, depressare. E perché autocontrollo è l’ultimo apprendimento e non il primo.

Glasser afferma che le persone “non sono depresse”, “stanno depressando”. Rendere nuovamente verbo (azione) e non sostantivo ci può aiutare concretamente a capire che per essere in uno stato emozionale dobbiamo compiere azioni e scelte specifiche. È una spiegazione razionale lo so. Eppure se uno razionalizza risulta molto efficace. Il problema è come metterlo in pratica? Ricordiamoci intanto che nessuno nasce...

Read More

Un’altra conferma della responsabilità della propria comunicazione.

La comunicazione, come insegna Watzlawick, ha (più o meno) sempre una componente per così dire “manipolativa” (vedi pragmatica della comunicazione umana, dove per pragmatica si intende l’effetto della comunicazione), sta a noi fare in modo che questa manipolazione sia utile o come si usa dire “win to win”, vinco io e vinci tu (o vinci tu e vinco io). In questo video possiamo vedere come viene ben descritto come...

Read More

Felicità e infelicità, una parte del problema è decisamente linguistico.

Oggi vorrei trattare un tema che mi sta particolarmente a cuore relativo all’uso inefficace di parole come: felicità, infelicità, tristezza, depressione, dislessia, anoressia, bulimia, e via dicendo. Recentemente ho letto questo aforisma: “non esiste una strada per la felicità, la felicità è la strada”. All’inizio ho pensato: “Bello.” Eppure qualcosa dentro di me mi diceva: “Ah! Qualcosa in questa frase...

Read More

Togliere potere negativo al passato e perseverare nel presente.

Togli potere negativo al passato, perché continua a togliere energia emozionale, tempo e attenzione al presente. Mentre se dai presente massima attenzione, potere positivo e propulsivo al percorso che devi fare, o scoprire, oggi per raggiungere i tuoi obiettivi, è molto probabile che perseverando nel futuro prossimo li raggiungerai. Come togliere potere negativo al passato? Intanto ricordiamoci che: guardare una volta nel passato vuol dire...

Read More