Glasser: depressione? No, depressare. E perché autocontrollo è l’ultimo apprendimento e non il primo.

Glasser afferma che le persone “non sono depresse”, “stanno depressando”. Rendere nuovamente verbo (azione) e non sostantivo ci può aiutare concretamente a capire che per essere in uno stato emozionale dobbiamo compiere azioni e scelte specifiche. È una spiegazione razionale lo so. Eppure se uno razionalizza risulta molto efficace. Il problema è come metterlo in pratica? Ricordiamoci intanto che nessuno nasce...

Read More

Il linguaggio del corpo che influisce sulla propria mente.

La mente influisce sul corpo come il corpo influisce sulla mente, è una comunicazione bidirezionale e il corpo, grazie anche a più cento mila neuroni può averne memoria. Usare il corpo per influenzare, condizionare, migliorare la propria mente è conosciuto da tempi immemori. Prima di proporvi la visione del video di Amy Cuddy che propone alcune considerazioni a riguardo faccio una breve cronistoria di quello che ricordo dalle mie letture...

Read More

Scrivere chiaramente, un consiglio da Dale Carnegie

Dale Carnegie ci racconta in: “Come parlare in pubblico (a pagina 125-126)”, cosa scrisse il presidente americano Woodrow Wilson, relativamente al concetto di chiarezza. Quello che in altri termini possiamo chiamare come “il potere della distinzione”. Mio padre era un uomo di grande energia intellettuale. Da lui ho avuto l’insegnamento migliore. Non tollerava la vaghezza, e dall’epoca in cui cominciai a...

Read More

Dislessia, Dislessico, parole abusate.

Trovo che i termini Dislessia, o Dislessico, siano delle parole molto e gravemente abusate. Vediamo perchè: Innanzitutto Garzanti linguistica riporta come significato per Dislessia: (med. , psicol.) incapacità di riconoscere o ricordare le parole scritte che si manifesta, nella lettura, con trasposizioni e inversioni di parole o di sillabe; è originata da malattia nervosa o da lesione cerebrale. Credo che quest’ultima parte della...

Read More
Pagina 1 di 212