Lettura veloce? Come vedere e ascoltare un libro 3 volte più velocemente.

Posted by on gennaio 21, 2012

Come velocizzare la propria velocità di lettura è un desiderio di molti.
Ho provato vari sistemi di lettura veloce ma quello che mi ha dato più frutti inizialmente è stato ascoltare i libri più velocemente.

Avevo letto una frase di Brian Tracy che raccontava che studiava audiocassette in macchina durante i trasferimenti, e lo considerava un ottimo sistema di studio. Inoltre trovai molto motivante il fatto che alla fine disse che se non lo avessi fatto io sicuramente lo stava facendo qualcun altro in questo momento, traendone i vantaggi che io non avrei colto, e che sono stati tanto fruttiferi per Brian.

Altre 2 cose che mi persuasero sulla bontà dell’ascolto furono due informazioni, la prima proveniente da un corso di memoria, la seconda da una tabella di una ricerca di una università americana relativa all’apprendimento.
Infatti in questa tabella da test fatti, nella memoria a breve termine, da 1 a 14 giorni, restavano in memoria solo il 10% di informazioni leggendo un libro, è il 20% ascoltandolo.

Usando un software di Audio Video Lettura (Speech Reading), leggevo e ascoltavo contemporaneamente potendo inoltre incrementare la velocità di esecuzione. In questo modo avrei incrementato la percentuale di informazioni che avrei mantenuto nella memoria a breve termine, aumentando anche quelle che sarebbero rimaste poi nel medio e infine nel lungo periodo.

Infatti nel medio termine del 10% di informazioni ottenute leggendo ne restano solo l’1%, nel caso in cui venga effettuato un ripasso sistematico, e non venga discussa o spiegata ad altri la materia imparata (in modo che il cervello la debba elaborare). Di questo 1% ne resta ancora meno nel lungo periodo.

A mio avviso mi sembrava una tragedia, di tutto quello che stavo leggendo mi ero già accorto quando avevo dimenticato. Quando era ormai andato perso.

Nei metodi di memoria ho imparato quanto sia importante mantenere la mente impegnata, per incrementare le capacità di attenzione e memoria. Perchè la mente è molto più veloce della nostra capacità di lettura, pertanto si annoia quando leggiamo (quando leggiamo come ci hanno insegnato a leggere a scuola, ovvero nel modo più lento e meno efficace possibile). E quando la mente si annoia trova delle vie di fuga di svago infilando pensieri laterali, interrompendo la nostra concentrazione e facendoci volare i pensieri altrove.

Anche questa è un gran problema quando vogliamo studiare in fretta senza perdere tempo
Come fare?

Prima cosa da sapere e sulla quale agire. Una persona in media parla 125 parole al minuto.
E se leggiamo a voce alta o ascoltando la nostra voce nella mente sarà impossibile andare più veloci di così.
Solo che il cervello a livello visivo è capace di acquisire migliaia di informazioni al secondo.
Basta vedere quando andiamo in autostrada, ed accorgersi quante cose, forme, colori, scritte, la mente è capace di riconoscere in un istante.

Come fare per tenerla attenta, concentrata per poter leggere più veloce senza farci interrompere dalla sua noia?

Il sistema migliore sembra essere incrementare la velocità di lettura. E lo è!

Quanto veloci possiamo andare? Il doppio? Il triplo? Di più?

Allora vediamo cosa vuol dire innanzi tutto andare più veloci. Vuol dire che se leggo al doppio della velocità leggo 2 facciate al posto di 1, due libri al tempo di 1. Ovviamente 3x vuol dire che leggo 3 libri al tempo di 1.

Bene, benvenuto nel mondo dell’atletica della lettura. Anche qui esistono dei campioni di velocità, è tutta questione di allenamento.
Se ti dicessero di poter correre il doppio della velocità sarebbe grande?

E’ strapossibile! Perchè uno che non ha mai corso 4 o 5 chilometri se non ha mai fatto sport, la prima volta non arriverà nemmeno al primo chilometro. Schiatterà prima. Poi con dell’allenamento riuscirà ad arrivare in pochi mesi a correrli in 30 minuti. Poi se si allena con costanza anche in 20 minuti, come molti atleti ben allenati. Il record del mondo sui 5000 è di 12 minuti 37 secondi di Kenenisa Bekele (Etiopia).

Pertanto risulta evidente la convenienza di incrementare attraverso un allenamento la propria velocità di lettura.

E se ti dicessi che questo allenamento lo puoi fare in modo passivo? E’ il massimo. Infatti è quello che ho fatto io, perchè i vari corsi di lettura veloce prevedevano a mio avviso inutili esercizi su testi altrettanto inutili. Uno di questi serviva a modificare le abitudini relativamente al punto di fissità degli occhi. Infatti gli occhi leggono, cioè mettono a fuoco solamente quando stanno fermi. Mentre sono in movimento non riescono a mettere a fuoco. Pertanto quando si spostano da una lettera o da una parola all’altra fanno un lavoro di messa a fuoco.

Ok ma questo sistema era troppo lento. Non fa per me. Infatti ho trovato che il se noi fissiamo una cosa in movimento gli occhi la tengono a fuoco mentre il restò sarà fuori fuoco. Ecco questo è già più veloce. Infatti questa tecnica applicata alla lettura veloce vuol dire: usare il dito sotto il testo. Esattamente, tenendo un il dito o una matita sotto al testo aiutiamo gli occhi a mantenere il fuoco. Ed evitiamo di andare avanti e indietro con gli occhi o di muoverli a scatti. Già solo con questo metodo è facilissimo incrementare la velocità di lettura.

Tuttavia non bastava perché anche con questa tecnica i pensieri laterali si infilavano a più non posso. Di per se può essere una buona cosa se sono in una fase creativa perché i pensieri laterali sono fantastici per trovare la connessioni nuove tra elementi di insiemi diversi. Tuttavia mentre leggo non sono in una fase creativa ma solamente di acquisizione di informazioni, pertanto è fondamentale evitare le interruzioni. Perché? Perché se raggiungiamo una velocità di lettura elevata, quindi una buona concentrazione, pertanto una ottima comprensione del testo, interrompere questo treno in corsa vuol dire: tempo per rimetterlo in corsa a quella velocità. In media ci possono voler anche 5 / 10 minuti ad interruzione (dipende dal tipo di interruzione). Pertanto risulta fondamentale domare i pensieri laterali e incanalarli solamente durante le fasi creative.

Come fare? Ecco una soluzione a mio avviso fantastica, che incrementa l’attenzione: la audio-video-lettura. Cioè guardare un testo mentre viene letto da una voce automatica. La velocità della voce automatica ci costringe a starle dietro, togliendo la maggiorparte delle interruzioni, aumentando enormemente il tempo medio di concentrazione. Pertanto diminuendo drasticamente il tempo di lettura, incrementando il la comprensione del testo (più in testo viene assimilato velocemente più è chiaro il quadro d’insieme, evitando di perdere pezzi del puzzle).

Per oggi è tutto, ma vi prometto che approfondirò questo tema, perché sarà oggetto di un corso dedicato.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi articolo precedente:
Come cambiare vita?

Ecco un nuovo wallpaper, ovvero uno sfondo per un desktop rotator. È una immagine simpatica contenente una frase ricca di...

Chiudi