Significato di meditazione, anima, metafisica, parola.

Posted by on marzo 11, 2012

Vediamo oggi come questi termini sono legati tra loro?

Mi piace ricordare che Platone diceva:

Studiate le Parole a partire dalle Cose, non le cose partendo delle Parole.

Tuttavia questi termini, meditazione e anima, possono essere sfuggenti, difficili da prendere, da afferrare, pertanto parto dal significato originale per orientarmi.

Trovai l’etimo di Anima

nel libro di Piergiorgio Odifreddi, le Menzogne di Ulisse, fantastiche pagine introduttive che con due colpi di fioretto polverizzano i voli metaforici della metafisica.

Deriva da Anemos e Pneuma, che sono i due stati della respirazione umana. Quindi Anima in origine descriveva uno stato fisico ben preciso: l’aria che esce dal corpo. Mentre Pneuma descriveva lo stato fisico dell’aria che entra nel corpo.

Poi la creatività umana ha usato questo termine per inventare metafore metafisiche (che non esistono nella fisicità), ma diventano esistenti in quanto credute. Questo accade perchè la mente crea quello che vuole e decide di credere.

Ad esempio una mente può morire di paura quando crede alla magia nera, al malocchio. Non è la magia nera o il malocchio ad esistere, ma esiste invece nella mente della persona la credenza che queste cose esistano, e pertanto rende reali su se stessa gli effetti di cui si aspetta.

 

Relativamente ai termini

“Meta-fisica”: possiamo facilmente comprendere che è composto dal prefisso “meta”, che ha il significato di “al di là, sopra, oltre”, e fisica. Pertanto che non riguarda il mondo fisico.

MEDITAZIONE: oggi mentre cercavo di approfondire il termine sensazione, sono arrivato per successivi collegamenti ad approfondire anche il termine Meditazione:

in origine voleva significare, quindi esprimere l’atto di “misurare con la mente”.

Parola, deriva da parabola, e significa mettere a fianco.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi articolo precedente:
Il senso non esiste? Il senso esiste.

Friedrich Nietzsche sbagliava quando affermava l'annientamento del pensiero (nichilismo), sopprattutto del SENSO, e del significato del SENSO. Aveva torto quando affermava...

Chiudi